Turismo responsabile: i campi di volontariato

translation services

Si può fare del turismo responsabile in tantissimi modi, anche viaggiando soli e prediligendo strutture a conduzione locale ed evitando grandi multinazionali (dal mangiare al dormire..).

Si può anche fare turismo sostenibile decidendo di dedicare il proprio tempo ad attività di volontariato.

Io con bimbi delle scuole dove parlavamo della salvaguardia delle tartarughe

I campi di volontariato, o campi lavoro, possono essere di vari generi e di diversa durata, e adatti a tutti: dai campi per famiglia in Italia e Europa, ai campi per minorenni, a quelli per adulti..poi ci sono diversi progetti speciali di durata più lunga o campi che si svolgono tutto l’anno nei quali i volontari si alternano per periodi di circa 2 o 3 settimane.

Io qualche anno fa ho partecipato ad un campo di lavoro in India per la salvaguardia e conservazione delle tartarughe marine. Era un progetto dell’associazione FSL India, e la partenza e il coordinamento dei volontari italiani veniva fatto tramite Legambiente .

Nel nostro gruppo eravamo 6 volontari provenienti da tutto il mondo (2 Italiani, 1 Koreano, 2 finlandesi, 1 olandese) e lavoravamo insieme ad un altro gruppo di volontari, chiamati “Long term Volunteer” che partecipavano al nostro stesso progetto ma per un periodo di circa 3 mesi.

Dopo una giornata in spiaggia a proteggere le uova di tartaruga

Io e mio cugino (all’epoca 17enne) siamo partiti dall’Italia con volo Emirates fino a Mumbai, per poi prendere un collegamento interno per l’aeroporto di Mangalore, nello stato del Karnataka.

Beh, dire che è stata un’avventura è dir poco…l’India ti colpisce e ti affascina, noi ci siamo divertiti un mondo…abbiamo raggiunto la piccola cittadina di Kundapura, a circa 100 Km da Mangalore viaggiando su un autobus scassato e senza porte, rischiando di cadere giù ogni secondo, e una volta arrivati e incontrati i nuovi volontari e il capogruppo (un ragazzotto indiano simpaticissimo quanto buffo) siamo andati in quella che sarebbe stata la nostra nuova casa per due settimane. Ora, io non è che mi adatti male, anzi, ma sfido il coraggio di molti a dormire in quella casa….insetti di misure giganti ovunque, letti scassati e bagno…beh meglio lasciar perdere!!!

Spiaggia di Maravanthe al tramonto

Ma veniamo al dunque….la nostra “mission” era principalmente di fare sensibilizzazione verso la popolazione locale nei riguardi delle tartarughe marine, cercare di far capire che le uova non bisogna mangiarle ma che sono un bene prezioso, e spiegare come l’inquinamento potesse recare danno alle tartarughe e all’economia locale. Dovevamo inoltre monitorare i nuovi nidi e costruire delle strutture per salvaguardarli.

Qui potete trovare una mia intervista sul sito di Turisti per Caso, dove racconto della mia esperienza in India

E’ stata senza dubbio un’esperienza molto interessante e formativa, oltre che estremamente divertente!!! E’ vero che si ha poco tempo per girare (noi avevamo solo il fine settimana libero) ma vale la pena provare almeno una volta un’esperienza simile, perchè oltre all’attività di volontariato è un ottimo modo per entrare in contatto con la popolazione locale e la loro cultura.

Per chi vuole maggiori informazioni sui campi volontariato, potete provare a dare un’occhiata ai seguenti link:

malaikadany

Nata in Italia nel 1980 con l'immenso desiderio di viaggiare e conoscere luoghi e culture sempre nuove. A 28 anni mi sono trasferita in Kenya dove ho vissut anni stupendi. Al momento mi trovo in Olanda con la mia splendida bambina e viaggio appena posso.

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. 21 giugno 2012

    […] di viaggi sostenibili e responsabili,  un modo originale per viaggiare può essere farsi ospitare in un B&B in cambio di […]

  2. 7 settembre 2014

    […] E così anni fa mentre mi trovavo a svolgere il servizio civile a Legambiente Marche (dove, per altro, ho conosciuto delle amiche stupende), presa dai progetti che seguivo, ho deciso di partire per un campo di volontariato. […]

  3. 26 gennaio 2015

    […] arrivata a Gokarna dopo la prima settimana del mio campo di volontariato a Kundapur, località situata a circa 150 km più a sud: abbiamo scelto di viaggiare in treno, che devo […]

  4. 26 gennaio 2015

    […] arrivata a Gokarna dopo la prima settimana del mio campo di volontariato a Kundapur, località situata a circa 150 km più a sud: abbiamo scelto di viaggiare in treno, che devo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *