Come programmare un viaggio: dall’idea alla realizzazione

Una delle mie passioni principali è senza alcun dubbio viaggiare.

Ma il viaggio, per me, comincia molto prima della partenza: c’è quel momento in cui senti fremere, dove il bisogno di partire si fa strada tra il tuo cuore e la tua mente. C’è la decisione della meta, la pianificazione di un itinerario e il calcolo del budget. C’è lo studio, approfondito, di quello che vorresti fare e vedere, della cultura del posto, usi e costumi e della cucina locale.

Il viaggio, nasce prima nella tua testa, fino a quando ti darà le farfalle nello stomaco nel momento in cui inzierai a prenotare, probabilmente il volo.

Come progettare un viaggio: la scelta della meta

Avete già ben chiaro in mente dove volete andare? Perfetto. potete passare al prossimo paragrafo direttamente.

Siete indecisi fra una miriade di posti? Bene, continuate a leggere!

A volte abbiamo così tanti luoghi che vorremmo vedere nella nostra wish list che è difficile scegliere. In più tutto cambia se non siamo soli a viaggiare: il compagno/a ha i suoi posti sì e posti no, viaggiamo soli, con bambini…

Anche il budget ovviamente entra a far parte della decisione: vorreste andare in Polinesia ma senza  spendere più di mille euro.. Beh, meglio che cambiate idea.

Quando scelgo la meta del mio prossimo viaggio, cerco prima di fare una lista dei posti che mi piacerebbe vedere. A seguire, cerco di valutarli in base alla stagione in cui viaggerò e al tipo di clima che vorrei trovare: ad esempio se cerco il caldo e il sole, non andrei in Kenya a Luglio quando la probabilità delle piogge è molto alta.

Quando scelgo la meta del mio viaggio tengo anche conto di quanto costa la vita in quel Paese, per capire se in linea con il mio budget o se devo cercare qualcos’altro. Bisogna cercare di essere realisti!

Come prenotare il volo aereo

Se non volete rivolgervi ad un’agenzia di viaggi specializzata, ma state optando per un fai da te, allora dovrete ricercare il vostro volo sui vari motori di ricerca specializzati che si trovano online. Più cercate, comparate, verificate e meglio è.

Da skyscanner a Google flight, potrete farvi un’idea generale sui prezzi verso la vostra destinazione prescelta e scegliere da dove prenotare (se sul sito della compagnia aerea, o su altri siti intermediari come expedia, edreams etc..).

Io solitamente passo diverso tempo a monitorare i voli, per poi prenotarli quando capisco che il prezzo è buono o che comunque non scenderà più.

In generale, tolto nei periodi di alta stagione, prenoto sempre un paio di mesi prima rispetto alla data di partenza.

Scontato, ma non troppo, che per la prenotazione avrete bisogno di una carta di credito (anche prepagata, ma con sufficiente credito dentro).

Programmare un viaggio

Come pianificare l’itinerario di viaggio

Sia che partiate in aereo, sia che il vostro sarà un viaggio on the road, l’itinerario è senza dubbio una parte importantissima, fondamentale, per la buona riuscita di un viaggio. Se anche volete avere la libertà di scegliere all’ultimo minuto, senza sentirvi condizionati da prenotazioni fatte, ma almeno un’idea del tipo di tour e delle tappe che assolutamente non volete perdere, dovrete averla.

Quindi: google map (o cartina, in old style) alla mano, guida tipo lonely planet (ce ne sono molte, le lonely rimangono le mie preferite), internet per ricerche veloci e si inizia a pianificare. Se state facendo un road trip con mezzo proprio, vi consiglio un massimo di 300 km giornalieri, o se di più almeno concedetevi due notti nella tappa: vedere tante cose in stile mordi e fuggi vi stancherà molto e potrete perdervi molte cose, quindi meglio un pochino meno ma fatto bene. Soprattutto se state guidando, avete bisogno di soste rigeneranti!

Un sito che personalmente trovo molto utile per programmare spostamenti, soprattutto se non sono con un mio mezzo è senza dubbio Rome2rio, con indicazioni utili su come raggiungere luoghi e il costo (approssimativo).

Non avete intenzione di fare un viaggio itinerante? Bene, allora trovate la vostra meta e valutate eventuali auto noleggio nella zona, o escursioni organizzate da agenzie locali, o ancora come sono i mezzi pubblici, così da potervi spostare con facilità nei dintorni.

L’alloggio: come scegliere quello giusto?

Hotel o ostello? Bed and breakfast o appartamento? Le opzioni di soggiorno sono davero innumerevoli, senza contare il dover scegliere la posizione (in città o fuori, collegato ad i mezzi pubblici o con parcheggio..)

Innanzitutto dovete far ben chiaro su cosa state cercando: comfort e lusso, sistemazioni spartane, comodità per gli spostamenti, e sicuramente dovrete tener conto del vostr budget. Poi potrete farvi un’idea dei vari prezzi e alloggi su diversi tipi, come booking.com, airbnb o anche couchsurfing.

Io molto spesso amo anche affidarmi ai consigli della Lonely Planet, soprattutto per quanto riguardaguest house locali e meno turistiche.. Ricordo ancora un viaggio in Scozia e un B&B favoloso nelle isole Orcadi, isolato da tutto ma semplicemente fantastico!

Il viaggio è il miglior modo per riscoprire se stessi, imparare a conoscere i propri limiti, culture nuove ed uscire dalla propria zona di comfort. Quando viaggiate, ricordatevi sempre di rispettare il posto dove vi trovate, senza criticare e senza pensare di essere i migliori ma imparando a guardarne tutte le sfaccettature.

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *