Però vi prego, non chiamatemi Expat!

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Cristina Buonerba ha detto:

    Ah… la felicità! Io sono contro le etichette, sempre e comunque. Il mondo appartiene a tutti noi, a qualsiasi latitudine.

  2. Daniele ha detto:

    Ciao Daniela,
    Mi ritrovo molto in quello che hai scritto… io sono arrivato come ‘expat’ e ho vissuto il primo periodo nella bolla che hai descritto. Una bolla divertente e senza problemi, devo ammetterlo.
    Ma anche superficiale e individualista!
    Col tempo mi sono distaccato dagli expat e ho iniziato a sentirmi un immigrato. Ora non so più che sono a dire il vero!

    Ciao

    • malaikadany ha detto:

      Ciao Daniele!
      Avendole vissute entrambe puoi giustamente conoscerne i pro e i contro. Ma è pur bello sapere di non doversi includere in nessuno dei due gruppi, bensì di creare una sorta di categoria a parte! Buon anno nuovo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *