Quel luogo speciale nel mondo (che mi ha cambiato la vita)

translation services

Ognuno ha il suo posto speciale, quello dove si sente a casa o quello che lo ha colpito maggiormente. Poi ci sono quei luoghi che ti rimangono nel cuore e nella mente per sempre, e che quando li lasci senti di star lasciando anche un pezzetto del tuo cuore.

E questa la sensazione che ho avuto in uno dei posti più incredibili che abbia mai visitato, ovvero l’India, e per la precisione mi riferisco  a Gokarna nel Karnataka.

Gokarna

Sebbene località piuttosto turistica, Gokarna non tiene il passo in confronto a località costiere come Goa ma rimane ricca di fascino e le sue spiagge non hanno nulla da invidiare a località più conosciute.

Sono arrivata a Gokarna dopo la prima settimana del mio campo di volontariato a Kundapur, località situata a circa 150 km più a sud: abbiamo scelto di viaggiare in treno, che devo ammettere è stata un’esperienza unica ed estremamente divertente! Viaggiare in un treno affollatissimo di Indiani, dove anche il solo riuscire a stare in equilibrio su di un piede ti sembra un miracolo e nonostante tutto far passare il ragazzo con le bevande calde e il cibo è un’esperienza che non puoi che affrontare ridendo!

treno in India

Gokarna è un centro spirituale dell’India del sud, moltissimi sono pertanto i templi in città (teoricamente non visitabili dai turisti all’interno) pertanto l’atmosfera spirituale della città non potrà che invaderti non appena si arriva. Il centro è piuttosto piccolo, e tra bancarelle di vestiti  e accessori indiani, templi e pellegrini,  street food locale, new hippie e simpatiche scimmie si arriva in poco tempo alla Gokarna beach.

Gokarna, templi

Qui ricordo di aver sorseggiato latte di cocco, circondata da pellegrini, indiani, baracche e templi, e sebbene la spiaggia non fosse tra le più belle, quell’aria un po’ trasandata e tipicamente indiana mi facevano semplicemente sentire veramente felice di essere li.

gokarna beach

Avevamo solo una notte e due giorni a disposizione per riuscire ad immergerci in questa località, e come alloggio abbiamo deciso di spostarci verso la Kudle Beach: un rickshaw (o tuk tuk) sfrecciava fra le colline in direzione sud, le scimmie sbucavano dai cespugli con fare curioso e poco più in giù c’era solo la grande distesa blu del mar arabico.. Ricordo che il mio cuore batteva forte, assieme a quel tuk tuk, carico di emozioni, e la mia mente cercava di catturare quanti più ricordi.

kudle beach gokarna

Anche l’alloggio è stata una sorpresa bellissima: abituati a dormire nella casetta dei volontari, decisamente fatiscente e per nulla confortevole (che però ora nei miei ricordi rappresenta uno dei posti più belli dove abbia mai vissuto) questo resort immerso nel verde per noi era paragonabile ad un hotel di lusso. Il Namaste Holiday Home offre soluzioni molto economiche per dormire in una location da cinque stelle.

Noi avevamo optato per la stanza con bagno (nel 2007 a € 5) che seppur nella sua semplicità riusciva a trasmettermi un senso di pace e tranquillità mai provato prima! Il terrazzino immerso nella vegetazione, le stelle che illuminavano la notte e l’infrangersi delle onde nel mare rendevano l’atmosfera quasi surreale, avrei voluto che il tempo si fermasse per la bellezza di quei momenti!

alloggio a Gokarna

Ci sono posti che rilasciano delle energie particolari a chi sa ascoltarli, e questo è uno di quei posti per me.

Dalle camere, con un sentiero tra gli alberi, si raggiunge la terrazza dove si può mangiare affacciata sull’incantevole Kudle Beach e poco dopo la Om Beach, dove ne abbiamo approfittato per qualche bel bagno e del relax al sole… In compagnia di qualche bella mucca sacra 😉

Mucche in spiaggia a Gokarna

Il Namaste Holiday Home è anche un centro yoga dove poter praticare durante il proprio soggiorno o dove venire appositamente per fare corsi intensivi di yoga e ritiri settimanali.

Come raggiungere Gokarna

L’aeroporto più vicino a questa località è quello di Mangalore, ma si può raggiungere facilmente anche da Goa . Come? Ti consiglio di dare un’occhiata al sito di Rome to Rio, per calcolare il tragitto migliore a seconda di dove sei!

sentiero verso la spiaggia

Cosa portare in valigia

E chi sono io per dirti cosa portare? 🙂 In realtà posso solo consigliare in generale per un viaggio in India, di portare indumenti consoni all’ambiente che si visita e alla cultura del luogo: girare per Gokarna o in qualsiasi località sacra o città in short e magliette scollate non è sicuramente segno di rispetto. Piuttosto opterei per pantaloni o gonne (per le ragazze) sotto al ginocchio e semplici magliette a maniche corte, o altrimenti una pashmina o foulard per coprire spalle ed eventuali scollature. A Gokarna come ho già detto è possibile mettersi in costume in spiaggia, anche se io in fondo mi sentivo comunque un po’ in imbarazzo perché non più abituata e per via dei pochi turisti presenti.

Io per fortuna non ho mai avuto problemi, ma meglio avere con se fermenti lattici in caso di necessità.

abbigliamento in India

 

Documenti necessari

Passaporto con validità di almeno sei mesi e visto d’ingresso rilasciato dagli uffici consolari presenti in Italia. Sul sito di Viaggiare Sicuri sono presenti tutte le informazioni necessarie.

Maggiori informazioni sull’India, il Karnataka e Gokarna sono reperibili sul sito del turismo Indiano.

Questo è stato un luogo importante per me, ho saputo ascoltarlo e lasciarmi ispirare da esso. Come avevo già raccontato in un mio vecchio post, l’India ha dato il via a quell’istinto di seguire il mio cuore e le mie emozioni, e questo è uno di quei posti in particolare che hanno contribuito alla mia scelta di cambiare vita, di essere felice e di scegliere la mia strada.

Grazie, Gokarna!

 

malaikadany

Nata in Italia nel 1980 con l'immenso desiderio di viaggiare e conoscere luoghi e culture sempre nuove. A 28 anni mi sono trasferita in Kenya dove ho vissut anni stupendi. Al momento mi trovo in Olanda con la mia splendida bambina e viaggio appena posso.

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Annika ha detto:

    Che meraviglia!
    Ma sai che ho scoperto che essendo iscritta AIRE/residente in UK, se voglio andare a trovare un carissimo amico in India, dovrei passare dal consolato a LONDRA?? Ovviamente visto che adesso sono pochissimi mesi a Venezia e’ un casino…. non posso proprio rivolgermi a quelli di Milano, per intenderci!

    • malaikadany ha detto:

      Ma dai quindi non puoi farlo in italia? Che storia!! Non lo sapevo!! Beh allora ti auguro di tornare a Londra al più presto e poi partire per la meravigliosa, splendida India!!

  2. Grazia Gironella ha detto:

    Ciao! Sono passata e voglio dirti che hai trasmesso molto bene le impressioni suscitate in te dal luogo. Mii ispira molto anche il Namaste Holiday Home, un po’ per il nome, un po’ per il mare e la possibilità di praticare yoga. Comunque sono d’accordo con te che i luoghi dove viene coltivata la spiritualità hanno un’atmosfera particolare. 🙂

    • malaikadany ha detto:

      Ciao Grazia! Io ai tempi non praticavo ancora lo Yoga, ora sinceramente ci tornerei anche solo per stare una settimana li a fare yoga e riequilibrare me stessa. Credo che se alcuni luoghi siano scelti (o lo siano stati in passato dai popoli antichi) per stabilirci dei centri spirituali sia proprio perché quei luoghi trasmettono essi stessi delle energie particolari.. Personalmente amo andare alla scoperta di questi luoghi e sentirne le vibrazioni! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *