La libertà puoi crearla solo tu

translation services

me at sunset

Metà Maggio, nel bel mezzo del mio mese preferito: è primavera, la città si è colorata di verde e di fiori, il tempo migliora, i beachclub hanno popolato la spiaggia regalandoci già diverse giornate di spensieratezza,  chillout music e soprattutto un’anticipazione di estate niente male.

La mia vita negli ultimi mesi si è decisamente rivoluzionata, ma sono ancora qui, dopo un anno, a scrivere dal mio ufficio preferito nel cuore di Den Haag, nel Hofkwartier, nel mio amato Coffee Company ( no, non è un coffee shop olandese, ma un locale con ottima connessione wifi e il caffè di quelli lunghi americani che piacciono a me).

Negli ultimi mesi ho deciso di rallentare i ritmi con il mio lavoro, quello fisso che mi paga l’affitto per intenderci, e dedicarmi di più a ciò che veramente amo fare, le mie passioni, le amicizie, il tempo con mia figlia e soprattutto con me stessa.

Oltre ad aver cominciato un nuovo lavoro, creativo pieno di stimoli ed interessante, ho anche molto più tempo da dedicare ai miei progetti online, dal blog, al nuovissimo progetto con le Travel Angels, ad altri ancora in erba che presto verranno lanciati.

Vi assicuro che 8 ore di lavoro così, passate o nelle scrivanie della biblioteca o nel lungo tavolone di Coffee Company, popolato da altri lavoratori del web, sono cento volte più produttive che le mie 8 ore di lavoro dietro la scrivania in ufficio.

La libertà è uno stato d’animo.

Dopo gli avvenimenti dell’ultimo anno ho capito che non c’è tempo per sentirsi insoddisfatti. O meglio, il sentimento di insoddisfazione deve portarci a risolverlo, a creare la situazione per nutrire la nostra anima, per riuscire a fare ciò che ci rende felici, giorno dopo giorno, un passetto alla volta, ma lavorare costantemente per la nostra felicità.

Le situazioni brutte capiteranno sempre, fanno parte della vita. Ci servono per ricordarci di continuare a lavorare per noi, per essere liberi dalle imposizioni e liberi di essere felici: dobbiamo cercare di lasciarle andare, sapere che fanno parte della vita, darci del tempo per essere tristi e metabolizzarle ma poi basta, si va avanti.

E ci si concentra su cosa ci rende felici.

Da quando la sera addormento mia figlia e la guardo riposare – la cosa più bella al mondo in assoluto- a quando mi sveglia con mille baci e tirandomi i capelli ” Perché i tuoi capelli mi piacciono troppo e non riesco a smettere di toccarli”, ai momenti tutti per me come le mie giornate seduta davanti al computer a creare, esprimermi, tirare fuori la mia creatività e credere ai miei progetti.

O ancora, amo la libertà di cambiare i programmi all’ultimo secondo perché è uscito il sole e voglio andare in spiaggia, o le lunghissime giornate che finiscono con gli infiniti tramonti sulla spiaggia.

birds

La libertà di essere felici  la creiamo noi. Se abbiamo un sogno dobbiamo inseguirlo con tutte le nostre forze, e se siamo pigri e non abbiamo le forze per lavorarci forse è perché in realtà non ci crediamo troppo a quel sogno.

O forse semplicemente perché non è il momento.

Lamentiamoci meno e sorridiamo di più, rispettiamo chi ci circonda, le differenze, non critichiamo sempre, vestiamoci come ci pare per esprimere la nostra anima, non pensiamo a chi passa il tempo a criticare e a giudicare.

Liberiamoci dai pregiudizi e da ciò che la società impone, ma viviamo sempre nel rispetto delle idee altrui.

Sarà la primavera, ma anche se oggi qui pioviggina io riesco a intravedere tra le nuvole il sole, e voglio sentirmi sempre così.

Tame birds sing of freedom.

Wild birds fly.

 

 

malaikadany

Nata in Italia nel 1980 con l'immenso desiderio di viaggiare e conoscere luoghi e culture sempre nuove. A 28 anni mi sono trasferita in Kenya dove ho vissut anni stupendi. Al momento mi trovo in Olanda con la mia splendida bambina e viaggio appena posso.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 23 maggio 2016

    […] “La libertà puoi crearla solo tu” dal blog “Malaikatravel” […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *