Di passato, presente e futuro

translation services

Vi fermate mai ad analizzare voi stessi o il vostro lavoro? Vi girate a guardare il sentiero percorso e poi lanciare uno sguardo a quello che sta ancora davanti a voi?

Io alcune volte lo faccio. Mi è stato chiesto che blog sarò tra tre anni… Una domanda difficile per una che tra tre anni non sa nemmeno dove sarà [non so nemmeno dove sarò tra 6 mesi se è per questo!]

Così per rispondere a questa domanda ho iniziato ad analizzarmi, o meglio ad analizzare questo mio spazio che in due anni è cresciuto sempre di più.

Blog Plan

Ho aperto Malaikatravel due anni fa, appena rientrata dal Kenya e con un futuro assolutamente ignoto davanti a me. Ero in Italia, non avevamo lavoro e dovevamo capire che strada prendere. Ero anche a zero conoscenze in materia di blogging, quindi tutto quello che ho fatto l’ho fatto da sola, dedicandoci anima e mente e tante ore di impegno.

Pian piano, dai racconti di viaggi passati a post ancora un po’ freddi ed impersonali sono cresciuta riuscendo ad aprendomi senza paura.

Dopo qualche mese lo scrivere è stato facilitato dal nostro trasferimento in Olanda: una marea di spunti di cui parlare! E così anche voi lettori avete cominciato a seguirmi sempre di più, motivandomi a scrivere e condividere con voi la mia vita.

La grafica è cambiata molte volte, rispecchiando in fondo il mio istinto di cambiare che mi perseguita; ho inserito widget, link, immagini, icone social.. Pian piano sono riuscita a trasformare questo piccolo spazio in un blog con il suo seguito [e ne sono fiera, adoro tutti voi che mi leggete sappiatelo!]

Ma come vedo il mio blog tra tre anni? Lo vedo ricco di nuove esperienze, racconti e consigli. Lo vedo meno confusionario e più ordinato e funzionale ma pieno di informazioni. Lo vedo dalle tinte sobrie ma allegre, e lo vedo, anzi lo spero, un punto di riferimento per tutti coloro che hanno bisogno di una spinta, di un messaggio di coraggio, di un sorriso in una giornata grigia, di consigli e di voglia di viaggiare stando seduti sul proprio divano. Ah, lo vedo anche con il suo dominio e un tema …da WOW!

Sappiate che questa mia creatura ogni giorno cresce con me. Se non mi sentite per un po’ è perché sono piena di pensieri e silenziosa finché non li concretizzo nella mia mente. Se scrivo molto, sono carica. Se scrivo un post triste, quel giorno mi sento così..Ma scrivere mi aiuta ad affrontare e sdrammatizzare momenti difficili o ricordare belle emozioni.

Grazie a chi mi segue e continuerà a farlo!

malaikadany

Nata in Italia nel 1980 con l'immenso desiderio di viaggiare e conoscere luoghi e culture sempre nuove. A 28 anni mi sono trasferita in Kenya dove ho vissut anni stupendi. Al momento mi trovo in Olanda con la mia splendida bambina e viaggio appena posso.

Potrebbero interessarti anche...

Nessuna risposta

  1. Alessandra ha detto:

    Certe volte è difficile fermarsi e immaginare il futuro, ma il futuro del tuo blog è molto chiaro. Buon vento!

  2. MammaInOriente ha detto:

    Bello questo tuo fermarti a riflettere. Credo che anche per te, come per me, il blog abbia significato tanto. E’ un pezzo della nostra vita, uno strumento attraverso cui gioire, essere tristi e malinconici o pieni di energia e progetti. E soprattutto è uno spazio nostro. Buon proseguimento!

    • malaikadany ha detto:

      Grazie Mamma in Oriente! Esatto, quando si vive fuori secondo me il blog diventa anche un momento in cui fare il punto della situazione e ricollegarsi con il mondo.. Buon proseguimento anche a te!

  3. Francesca ha detto:

    Ti seguo da quando sono approdata sul mondo del blogging, spinta da questa passione per il Kenya che abbiamo in comune e dalla conseguente ricerca di qualcuno con cui condividere il Mal D’Africa. Dai tuoi post traspare molto di te e, nonostante il fatto che la nostra conoscenza è esclusivamente virtuale, riesco a percepire i tuoi stati d’animo, a capire le motivazioni dei tuoi silenzi e ad assorbire l’energia che trasmetti in altri momenti. Sarà che, avendo vissuto all’estero anch’io, comprendo gli alti e bassi della vita da expat, thrilling and tough in the meanwhile. Ed è bello quando tutto questo traspare.. Continua così!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *