Sei buoni motivi per viaggiare in treno

translation services

Ciao, mi chiamo Valentina ed amo viaggiare in treno.

Benvenuti in questa nuova rubrica sui viaggi in treno.

Perchè proprio il treno? Le mie personalissime ragioni sono tante e le troverete nell’elenco qui sotto:

11

  1. Il treno è il secondo mezzo più sicuro in Europa (dopo l’aereo, ovviamente)In Europa hanno calcolato che ci sono ben 0,04 morti ogni miliardo di chilometri percorso (l’aereo registra 0,03). Bè, a me verrebbe da dire che è praticamente sicuro quanto l’aereo. Cifre molto simili si registrano anche in altre parti del mondo (lascio a voi la ricerca online). Quindi ben venga il treno.
  2. E’ stato il secondo mezzo con il quale ho viaggiato sin da quando sono venuta al mondo. Mio nonno, il papà della mia mamma, è stato un macchinista dall’età di 18 anni fino a 60 anni, ovvero dal 1943 (durante la seconda guerra mondiale) fino al 1985. E sin da quando sono molto piccola mio nonno (ma anche mio padre) mi ha spesso portato in giro sui treni, anche solo per una gita fuori porta nel weekend. Mi ricordo quando il venerdì mi diceva “domani ti porto sul trenino” e il giorno dopo si andava alla stazione di Campobasso. Lui sceglieva una destinazione e si prendeva il primo treno per quel paese. Di solito le nostre mete erano villaggi sconosciuti nel bel mezzo del Molise. Ricordo ancora quanto erano vecchie quelle carrozze e ho ancora nel naso il tipico odore stantio di fuliggine, metallo e polvere. Eppure tutto per me era magico e divertente. Ero contenta quando il nonno mi portava nella cabina del macchinista. Mi faceva suonare il fischio alla partenza del treno. Faceva ingranare la prima marcia al macchinista e poi mi metteva al comando. “sposta la leva in avanti. Brava. Adesso verso il basso e a destra” e così posso dire di aver guidato anche un treno. Un’esperienza che mette davvero i brividi di entusiasmo addosso!
  3. Volare mi fa paura. Lo trovo estremamente innaturale. Non abbiamo le ali e non siamo fatti per vivere al di sopra di certe altezze. La terza dimensione (quella che porta verso lo spazio) mi incute terrore. E mi mette ansia anche quell’oggetto chiamato aereo. Una scatoletta di latta ultrasicura (non lo metto in dubbio) con due piani orizzontali e un piano verticale. Quel mezzo che sfida tempeste, venti e temperature rigide e che é in grado in poco tempo di portarti ovunque nel mondo. No, non mi piace volare. Anche il solo pensiero mi mette agitazione e sinceramente penso di aver volato già abbastanza nella mia vita. É stato sufficiente per capire che vivrò tranquillamente a meno degli aerei.
  4. La bellezza del viaggiare lentamente. Quante cose si possono fare mentre si viaggia in treno? Conoscere persone nuove e parlare della vita, si può leggere un libro, chiamare gli amici, vedere un film oppure gustarsi semplicemente il viaggio e guardare i panorami scorrere velocemente fuori dal finestrino. E si ha tempo di meditare su sé stessi, osservare il cambiare dei colori nei campi, dell’architettura delle case, dei vestiti delle persone. Trovo che tutto questo sia affascinante e istruttivo.
  5. Le infinite avventure del viaggio. Sbagliare carrozza e posto a sedere. Perdere le coincidenze. Fare arrabbiare gli altri. Usare il bagno come camerino. Ricevere un nuovo sconto. Dormire in un vagone con una classe in gita. Ogni volta é una sorpresa. Ed é divertente. Il cervello è sempre in funzione e si imparano tantissime cose.
  6. Ultimo ma non meno importante: non devi lasciare a casa i “liquidi sopra i 100 ml” e puoi portare il “pindakaas” al fidanzato. Non devi lasciare a casa la lima per le unghie. Non devi comprare tutto ogni volta che si atterra.

Quindi si: mille volte il treno, mille volte ancora. Perché regala emozioni e riempie la vita di colori!

malaikadany

Nata in Italia nel 1980 con l'immenso desiderio di viaggiare e conoscere luoghi e culture sempre nuove. A 28 anni mi sono trasferita in Kenya dove ho vissut anni stupendi. Al momento mi trovo in Olanda con la mia splendida bambina e viaggio appena posso.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Daniela ha detto:

    Anche io lo trovo un ottimo mezzo di trasporto, anche se solitamente uso l’auto 🙂

    • malaikadany ha detto:

      L’auto permette sicuramente una maggiore libertà, mentre con il treno ci si può ad esempio rilassare leggendo un libro. Entrambi sono ottimi mezzi per uno slow travel, dove non è importante solo la meta ma anche il viaggio in se stesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *