#BackToKenya: il mio ritorno in Africa

translation services

Non sto più nella pelle.

L’Africa mi manca da matti, e sono ormai tre anni che non ci metto piede.. Non passa giorno però che non la pensi. Ed ora è vicina a me, posso quasi toccarla.. E’ a distanza di poche ore.. Ed io sono così emozionata (e agitata) che ancora non mi sembra vero, e vorrei tenerlo tutto per me quasi per paura che se ne parlo troppo poi questo sogno si rovini..

Ho voglia di perdere lo sguardo nelle verdi colline di Taita illuminate dal sole del tramonto, di lavarmi i denti sotto un tetto di stelle e di ascoltare il suono della savana nel silenzio della notte.

in the shamba

Ho voglia di mangiare canna da zucchero, papaya e le banane più dolci che abbia mai mangiato.

Ho anche voglia di mango ma a quanto pare sono allergica e dovrò rinunciare.. A mio gran malincuore.

Ho voglia di maledire le mosche che ti si appiccicano al viso insistentemente e se ne fregano di quante volte le scacci. Ho voglia di riconnettermi con la natura e disintossicarmi dalla vita di città per un po’.

Tornare in Kenya mi sta regalando davvero tante emozioni già a partire da prima del viaggio.. Ho desiderato tanto questo momento che mi fa quasi paura, e mi trovo a diventare leggermente isterica e nevrotica alle prese con le mie psico-ansie da viaggio.. E poi devo ricordarmi che quasi 4 anni fa viaggiavo da sola con una neonata di 6 mesi verso Malindi, con tanto di passeggino, 3 bagagli in stiva, bagaglio a mano e borsa con il necessario per un bambino.

spiaggia di kilifi

 

 

E non mi ero fatta nemmeno la metà di tutte le paranoie che ho in questi giorni.

Tornerò nel continente africano per un paio di settimane, per dedicarmi alla visita dei parenti, al riconnettermi con la natura, e al rilassarmi in spiaggia.. Ma in questi giorni vorrei anche riuscire a raccogliere informazioni necessarie per un paio di progettini che ho in mente, uno dei quali riguarda proprio l’area di Taita, di dove è originaria la famiglia di mio marito.

La zona di Taita – Taveta si trova nei pressi del Parco Nazionale dello Tsavo, e la città più conosciute della zona è senza dubbio Voi: qui spesso capita di fermarsi alla fine di un safari per fare rifornimenti o girare il mercato locale. I viaggiatori conosceranno la zona per il famoso Saltlick Game Lodge, lussuoso lodge nel cuore delle Taita Hills.. La mia accomodation sarà molto più basica ed economica, ma senza dubbio più suggestiva 😉

le colline di taita

Siccome sono ormai affezionata alle tartarughe marine, non perderò l’occasione di visitare anche un progetto locale di salvaguardia di questi animali  Il Watamu Turtles Watch.

Voglio perdermi nei colori vivi di questa natura prorompente, veder giocare mia figlia con i bimbi locali e risentirmi a casa in questa terra magica che mi ha dato tanto.. E allo stesso tempo voglio riscoprirla con gli occhi da viaggiatrice, perché io il Kenya l’ho quasi sempre vissuto come residente e lavorandoci, ma ora voglio proprio godermelo in libertà.

Noi siamo pronti..

#BackToKenya.

 

 

malaikadany

Nata in Italia nel 1980 con l'immenso desiderio di viaggiare e conoscere luoghi e culture sempre nuove. A 28 anni mi sono trasferita in Kenya dove ho vissut anni stupendi. Al momento mi trovo in Olanda con la mia splendida bambina e viaggio appena posso.

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Mamma in Oriente ha detto:

    Buon viaggio! Immagino l’emozione per tutti e tre!

  2. Eli Sunday Siyabi ha detto:

    Fantastica Dany, buon viaggio, SAFARI NJEMA!!
    “La vita ci appariva ancora
    un allegro safari d’avventura
    da dividere in due”.
    Kuki Gallmann, Il colore del vento – Diario d’Africa

  3. Francesca ha detto:

    Dalle tue parole traspare emozione a non finire. E io sono emozionata per te.. e anche un po’ invidiosa!

  1. 30 dicembre 2015

    […] Il viaggio che mi ha riportata in Kenya è sicuramente tra i ricordi più belli di questo strano anno: le colline africane, i caldi tramonti, le onde che si infrangono sulla spiaggia, la natura prorompente e quell’aria di destino che non puoi cancellare. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *